Dan John è al primo posto retail nella classifica Leader della crescita in Italia 2020 stilata da Il Sole 24 Ore e Statista


Il Gruppo Dan John, azienda di moda maschile fondata da Daniele Raccah e Giovanni della Rocca, riconducibile alla holding Rinah SpA, di cui Hannah Raccah è socio di maggioranza, è al primo posto in Italia nel retail della classifica de Il Sole 24 Ore “Leader della crescita in Italia nel 2020”.
Un’indagine che viene fatta ogni anno, analizzando il fatturato e il tasso di crescita di migliaia di aziende in Italia, al fine di individuare e dare visibilità a quelle realtà che stanno dando una spinta particolare allo sviluppo economico del nostro paese, e che investitori e professionisti dovrebbero tenere d’occhio.
Sebbene Dan John sia nata alla fine del 2015, nel giro di 3 anni ha registrato un tasso di crescita incredibilmente significativo, continuando nel tempo a mantenere lo stesso trend positivo, che è in continuo miglioramento. Forte degli oltre 40 anni di esperienza nel settore, il brand è riuscito a piazzarsi nella prestigiosa classifica al primo posto nell’ambito del retail, con circa 100 punti vendita monomarca totali, in Italia e all’estero. L’azienda è oggi una realtà europea, ed è riuscita ad imporsi come punto di riferimento per l’eleganza e la moda maschile designed in Italy.
Dan John è in piena controtendenza rispetto al settore del retail in questi anni che vede 20 mila negozi chiusi solo l’ultimo anno e tasso di disoccupazione molto alto. La forza del gruppo è proprio quella di saper nuotare contro la corrente, con più di 405 persone assunte negli ultimi 3 anni.
Il gruppo, dopo aver concluso il 2018 con circa 37 milioni di Euro di ricavi e prevede di concludere l’esercizio 2019 con circa di 63 milioni, continuando così la crescita del marchio che prevede di arrivare alla fine del prossimo triennio a 180 milioni di ricavi. Nel settembre di quest’anno, è iniziato il piano di internazionalizzazione, con aperture in Spagna, dove sfida in casa Inditex, il colosso dell’abbigliamento cui fanno capo brand come Zara, Bershka e Massimo Dutti, e Belgio, alle quali ne seguiranno altre in Francia, Inghilterra, Germania altri paesi europei nei primi mesi del 2020, per passare successivamente al Medio Oriente, agli USA e al Sud America, aprendo circa 90 nuovi punti vendita entro il 2022, raggiungendo i 185 complessivi, dei quali, 100 a gestione diretta della casa madre.
Entro il 2025, invece, Dan John si pone l’obiettivo di una presenza più capillare in Europa e una maggiore espansione anche in paesi extra europei, come gli USA e il Medio Oriente, dai quali già ora arrivano moltissime richieste e manifestazioni di interesse, continuando sempre a rafforzare la presenza anche in Italia.
“Posizionarci così in alto in una classifica tanto prestigiosa è per noi un’enorme soddisfazione, che ci ripaga del duro lavoro fatto in questi anni. – Ha commentato Daniele Raccah, cofondatore di Dan John e Amministratore Unico di Rinah S.p.A. – I primi 3 anni della nostra attività, che coincidono con quelli esaminati dall’iniziativa ‘Leader della crescita’, sono stati intensi, ma, di certo, anche quelli che ricorderemo con maggior soddisfazione. Siamo partiti con pochissimi punti vendita, avendo dalla nostra parte solo il nostro bagaglio di know how e tanta voglia di fare. In poco tempo siamo riusciti a far conoscere i nostri prodotti, che si sono immediatamente affermati come top del settore, grazie alla buona qualità, prezzi competitivi, ricerche di mercato e servizio.”
“Tutto questo è stato fondamentale per emergere come leader, nonostante il retail sia ormai in crisi con 20mila azienda chiuse solo nell’ultimo anno. Il 2019 per noi ha rappresentato una sfida fondamentale per dare il via ad un nuovo grande obiettivo, ai piani di sviluppo nazionale ed internazionale, con moltissime nuove aperture, i Dan John che crescono a vista d’occhio. – Prosegue Raccah – Dietro ogni nuova apertura ci sono mesi e mesi di studio e ricerca, per individuare i mercati più interessanti, che possano essere strategici per il brand, e trovare le location ideali, sempre eleganti e in posizioni privilegiate per lo shopping cittadino. Ora guardiamo al futuro, con l’obiettivo di mantenere lo stesso entusiasmo e la stessa grinta, ma anche un trend di crescita sempre più positivo”.

0/Post a Comment/Comments

Nuova Vecchia